Napoli

Qualche ora dopo eravamo in treno e, in un lampo, siamo arrivate a Napoli. Mi è piaciuto subito. Frenetica, aspra, rumorosa, sporca, incasinata città. Un gigantesco formicaio con tutto l’esotismo di un bazar mediorientale e in più un tocco di voodoo stile New Orleans. Un esaltato, pericoloso e allegro manicomio. La mia amica Wade è venuta a Napoli nel 1970 ed è stata derubata in un museo. La città è decorata da festoni di biancheria che penzolano nei vicoli tra una finestra e quella di fronte, canottiere e reggipetto appena lavati che svolazzano al vento come bandiere da preghiera tibetane. Non c’è strada a Napoli in cui non si veda un monello in pantaloni corti e calze una diversa dall’altra, che strilla rivolto a un altro monello appollaiato sul tetto di fronte. Non c’è casa, in questa città, che non abbia alla finestra una vecchia, ingobbita dagli anni, intenta a osservare sospettosa la strada sotto.

Mangia, prega, ama, Elizabeth Gilbert

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Tortura mentale

Avevo sentito dire che non esiste dolore peggiore della tortura mentale, e adesso ci credevo.

Purity, Jonathan Franzen

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Seducente e insicura

Si, tutto quello che lei indossa, il suo modo di camminare, di sedere, il suo portamento, sono seducenti, ed è solo la gente insicura che si comporta costantemente in maniera seducente, che si veste per sedurre.

Diario I (1931 – 1934), Anais Nin

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Senso di colpa

Il senso di colpa deve essere la più mostruosa delle dimensioni umane.

Purity, Jonathan Franzen

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Ipersensibilità

Disprezzo la mia ipersensibilità, che richiede tante rassicurazioni. E’ certamente anormale morire come me dalla voglia di essere amata e capita.

Diario I (1931 – 1934), Anais Nin

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Rapporti umani

Si a volte ho l’impressione che i rapporti umani richiedano uno sforzo troppo gramde.

Diario I (1931 – 1934), Anais Nin

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento