Buon Natale! Che anno “libresco” è stato?

Tantissimi auguri di Buon  Natale e Felice Anno a tutti voi amici followers!

Che anno è stato, dal punto di vista “libresco”? Domanda per tutti i blogger amanti come me dei libri e della lettura. Avete scoperto un nuovo autore? Raccontatemi. Approfitto di questo momento per prendere spunti dai vostri consigli, dalle vostre letture per un ottimo 2018 libresco! Quest’anno io ho scoperto Elena Ferrante, un pochino in ritardo rispetto all’uscita dei 4 libri che raccontano la vita di Elena e Lila, (e da napoletana non me lo perdono ;). Li ho trovati davvero belli, ero dispiaciutissima alla fine del quarto!

Mi è stato regalato Kent Haruf, altro autore che ho apprezzato molto. Ho letto “Il canto della Pianura” e “Crepuscolo”, ma conto di leggerne altri.

Ho letto Shantaram, ne sono rimasta letteralmente affascinata. Nella mia wish list è presente il sequel, ma non riesco ancora ad acquistarlo. Sono scettica nei confronti dei sequel, mi sembrano sempre solo delle trovate pubblicitarie sulla scia del successo del primo. Se qualcuno lo ha già letto, volentieri ascolto cosa ne pensa, cercando di non farmi influenzare da un eventuale giudizio negativo. 😉

E’ stato bellissimo leggere il ritorno quest’anno di cinque scrittori che mi piacciono molto. E’ tornato Malinconico, l’avvocato napoletano uscito dalla mente di Diego De Silva; se volete una lettura divertente, ma riflessiva allo stesso tempo, allora scegliete Malinconico. Adoro!

E’ tornato il capro espiatorio più famoso al mondo! Il Signor Malaussene di Pennac, che torna con la sua eclettica famiglia. Ed è tornato dopo anni Daniel Semper, protagonista del Labirinto degli spiriti, sequel de “L’ombra del vento”. A me è piaciuto molto, l’ho divorato. Ma ho sentito di persone che lo hanno abbandonato ad un certo punto, non riesco a capirne il motivo. Solo per leggere di Fermin, io l’avrei letto fino alla fine! 😉

Con “Un appartamento a Parigi” fa il suo ritorno anche Guillaume Musso. Ho letto tutti i suoi e continuerò a farlo. Adoro il suo stile e l’aura di surrealismo dei suoi libri, ma quest’ultimo non mi ha convinta del tutto. Ed in ultimo “Origin” di Dan Brown, lo leggo perché le sue storie sono sempre avvincenti, l’arte che racconta, i luoghi che sceglie mi lasciano sempre affascinata, ma gira e rigira le storie sembrano sempre le stesse. Il professor Langdon è un po’ sfigato o no? 🙂

E voi? Raccontatemi. Aspetto i vostri consigli per un fantastico 2018 libresco!

Vi auguro tantissimi auguri di buon Natale e Felice anno Nuovo!

Live&Read

 

 

Informazioni su liveeread

liveeread (libri, libri, libri) https://liveeread.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Buon Natale! Che anno “libresco” è stato?

  1. unododici ha detto:

    Io fra gli altri ho letto i cinque libri di Maurizio De Giovanni che riguardano i bastardi di Pizzofalcone. Ovviamente non solo questi, ma se ti piacciono i gialli stile italiano meritano. 😉

    Piace a 1 persona

  2. Ciao! Proprio poco tempo fa ho scritto un articolo su 5 consigli di lettura per il 2018 😉 quando vuoi fai un salto sul mio blog! Mi farebbe molto piacere! E buon 2018! 😊💞🍷

    Piace a 1 persona

  3. Mi fa molto piacere! ❤ così come il fatto che mi segui! Ti seguo anche io con molta curiosità! 😊 buon 2018!! 💃💃

    Piace a 1 persona

  4. Ma certo! 😄😊 grazie di cuore liveeread!! ❤😘💝

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.