Accabadora, Michela Murgia

Vincitrice del Premio Campiello, Accabadora e’ un piccolo capolavoro, breve ma intenso, di Michela Murgia, che ho imparato ad apprezzare  con il suo podcast “Morgana”.

Negli anni cinquanta, in una antica Sardegna, fatta di leggende e tradizioni, la piccola Maria e Tzia Bonaria vivono come madre e figlia, anche se tali non sono. Maria è una “filla de anima” , come i bambini “generati due volte, dalla povertà di una donna e dalla sterilità dell’altra”. 

L’accabadora è colei che, solo se voluto e quando non c’è più nulla da fare, concede una morte dignitosa al malato. 

Il libro affronta un tema delicato, combattuto, urgente e profondo come l’eutanasia. E lo fa con una delicatezza senza confini, con un linguaggio aulico, senza fronzoli,  con colloqui scarni ed essenziali. 

Un libro potente e penetrante. 

Pubblicità

Informazioni su liveeread

liveeread (libri, libri, libri) https://liveeread.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Accabadora, Michela Murgia

  1. marco1946 ha detto:

    Romanzo molto bello (l’ho recensito il 18 ottobre del 2010) che ora è tornato di stringente attualità.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.